Tecnologia e Internet

Lego compie sessanta anni ma il regalo lo prendiamo noi

I mattoncini più amati e colorati della storia compiono sessanta anni, la cara mamma Lego che ha cresciuto moltissime generazioni non ha nessuna intenzione di andare in pensione.
Appassionati o meno tutti nella nostra infanzia abbiamo almeno un momento in cui i mattoncini Lego sono presenti, pronti a ricordarci quanto siamo vecchi, oggi per i suoi sessanta anni fa un regalo speciale a tutti i suoi fan più fedeli, un set speciale sessanta anni che i collezionisti bramano da un po’. 

Un regalo per noi 

Lego decide di festeggiare i suoi primi sessanta anni con un regalo speciale per tutti i suoi fan, con acquisti superiori ai 125€, sia online che in negozio fatti entro il 14 febbraio, riceverete in regalo un set esclusivo di mattoncini che ripercorre la storia dell’azienda. All’interno del set Lego ha racchiuso i quattro storici set diventati ormai delle icone per gli appassionati: il Castello 375 del 1978, il Galaxy Explorer 497 del 1979, la nave dei pirati Barracuda 6285 del 1989 e l’Airport Shuttle 6399 del 1990.
Tutti in scala molto più piccola ovviamente, una piccola chicca che non può mancare nella vostra collezione. 

Una storia costruita sui mattoncini 

Sicuramente il signor Lego, il danese Ole Kirk Kristiansen, nel 1958 non si aspettava di costruire un impero su dei mattoncini di plastica. È il 1958 quando la Lego abbandona il legno in favore della plastica, una scelta vincente che gli permette di ampliare il mercato a una fascia pre-scolare, la forza dei mattoncini sta proprio nella loro sicura semplicità. La plastica è sterile e i colori che vengono utilizzati non sono tossici. I mattoncini sono semplicissimi da utilizzare, non necessitano di istruzioni e sono tutti compatibili tra loro, indipendentemente dalla serie e dall’anno di realizzazione. I nostri amati mattoncini non sono mai cambiati in sessanta anni, si sono solo migliorati, offrendoci nuove possibilità di gioco a 360°. 

Buon compleanno, cara Lego, e grazie di averci accompagnato fino a qui!  

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close