Tecnologia e Internet

Destiny 2: contenuti di nuovo disponibili grazie all’aggiornamento 1.1.1.1

Con l’uscita durante la scorsa settimana del DLC La Maledizione di Osiride, alcuni contenuti di Destiny 2 normalmente disponibili per tutti gli appassionati del titolo, risultavano invece accessibili solamente a tutti quelli che possedevano il DLC del titolo, sviluppato da Bungie Studios. Tuttavia, la software house statunitense ha deciso di rivedere le sue politiche.

Disponibile da oggi l’upgrade di Destiny 2

Sollecitato degli utenti, Bungie ha programmato per oggi l’aggiornamento 1.1.1.1 che renderà di nuovo accessibili a tutti i giocatori Il Leviatano Autorevole e Le Prove dei Nove. Ovviamente a patto che le attività in questione non interessino una delle mappe introdotte con la prima espansione dedicata a Destiny 2. Non cambia invece la situazione per quanto rigurada Il Cala La Notte Autorevole, che resterà invece disponibile solamente per i possessori del DLC con Livello Potere 330.

Il comunicato ufficiale

In una nota ufficiale, Bungie Studios si scusa con i suoi utenti, tornando così a mettere a disposizione i contenuti anche per chi non ha il DLC. “Ora che La maledizione di Osiride è disponibile, è chiaro che abbiamo compiuto alcuni sbagli nel modo in cui abbiamo gestito l’accesso ai contenuti. L’incursione autorevole è un’esperienza molto cara ai giocatori anche se non possiedono La maledizione di Osiride, ed è stato un errore privarli di questa attività. Per tutto il franchise di Destiny, le Prove hanno sempre richiesto l’ultima espansione. Tuttavia per Destiny 2, le Prove dei Nove sono state avviate come parte integrante del gioco principale, dunque non è giusto rimuovere quest’attività”.

Quindi, con il prossimo aggiornamento di Destiny 2, i contenuti e le attività sopra elencate torneranno ad essere nuovamente fruibili per tutti i giocatori. Anche per coloro i quali non hanno ancora acquistato la prima delle due espansioni attese per una delle saghe più giocate degli ultimi anni, in grado di attrarre milioni di gamers.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close