Lavoro e formazione

Come impressionare il tuo capo evitando brutte figure

Sarebbe bello se vivessimo in un mondo in cui i nostri capi ci giudicassero unicamente basandosi sulla qualità e sulla quantità del lavoro svolto. La realtà tuttavia, è che le impressioni personali sono molto importanti, anche se spesso lo ignoriamo. Come impressionare il tuo capo evitando brutte figure?

Come impressionare il tuo capo?

Fare colpo con il capo sul posto di lavoro, spesso può fare la differenza tra mantenere la posizione corrente e ottenere la promozione desiderata. In un’economia in calo, può anche essere il fattore decisivo tra il mantenimento del lavoro e il licenziamento.

Capire che tipo di capo hai

Alcune persone giudicano i propri dipendenti dal contributo apportato all’azienda, altri lo fanno soprattutto per la produzione. Ad esempio, un consulente potrebbe lavorare da casa, consegnare il lavoro per via elettronica e non interagire mai con il capo. In questo caso, il risultato ottenuto verrebbe giudicato esclusivamente in base all’impatto finale, poiché il capo non potrebbe sapere se l’attività ha richiesto l’intera notte per essere portata a termine, oppure pochi minuti.

All’estremo opposto, ci sono molti lavoratori legati agli uffici, che producono direttamente in sede. I capi possono osservarli in ogni momento della giornata per vedere se sono occupati, ma raramente noteranno i contributi individuali.

Sebbene la maggior parte dei lavori cada tra questi due estremi, riconoscere come viene valutata la tua performance è la chiave per migliorare la posizione in cui ti trovi.

Come migliorare la percezione dei tuoi input?

Consapevolmente o meno, la maggior parte delle persone giudica tutt’ora i propri dipendenti in base agli input percepiti. Ci sono diversi modi in cui potresti apparire più produttivo:

  • Arriva presto. Questa è da sempre la chiave corretta per impressionare il capo che si occupa dei tuoi input. E’ difficile prevedere quando il traffico sarà brutto o l’autobus farà ritardo; a volte, l’unico modo per assicurarti di arrivare in perfetto orario, è raggiungere in anticipo il posto di lavoro. Arrivare prima dei capi darà loro un’idea estremamente positiva della tua etica lavorativa.
  • Vestiti bene. Probabilmente è un ragionamento del subconscio tuttavia, le persone meglio vestite rispetto ai propri coetanei, sono percepite come lavoratori migliori. Fai attenzione a non esagerare con il vestiario. L’osservazione di un codice di abbigliamento fuori luogo, si rivelerà un ovvio tentativo di adulazione. Ad esempio, se nessun’altro indossa la cravatta, non farlo proprio tu! Se lo fanno, allora mettine una bella e pulita.
  • Usa il tuo computer come un professionista. Quasi tutti i lavori moderni richiedono l’uso del computer. Saperlo utilizzare velocemente, è l’equivalente tecnologico di camminare rapidi. Aggiornati e mantieniti sempre informato.
  • Lascia il tuo bagaglio individuale casa. La vita personale, le faccende negative, i malumori tuoi e dei colleghi, hanno la tremenda capacità di danneggiare la produttività dell’ufficio. L’impiegato ideale si dedica completamente al lavoro, lasciando da parte la vita personale durante le ore lavorative. Forse è una richiesta disumana, lo sappiamo! Puoi comunque fare la tua parte per mantenere privati gli aspetti personali della tua vita. Evita di condividere pubblicamente i problemi che ti affliggono sul posto di lavoro. Le telefonate in famiglia dovrebbero idealmente svolgersi sempre in privato. Non servirti mai della tua vita personale come scusa per eventuali problemi legati alle prestazioni lavorative. Sforzati di lasciare drammi e negatività fuori dall’ufficio.
  • Rimani concentrato. Non distrarti provvedendo a pagare le bollette online dall’ufficio e non farti scoprire a navigare senza meta sul web. Anche le lunghe chiacchierate con i tuoi collaboratori su argomenti non correlati al lavoro, possono solo rafforzare l’immagine della tua perenne distrazione.
  • Sii positivo. Se non ami il tuo lavoro, avvicinati in modo costruttivo a chi potrebbe aiutarti. Cerca rimedi specifici anziché lamentarti in modo generale. Inquadra le soluzioni possibili pensando al miglior interesse dell’azienda, non al tuo esclusivo benessere personale. Fallo in privato e non lamentarti mai pubblicamente del lavoro che svolgi.
  • Sii incredibilmente onesto. Non mentire mai su alcun aspetto riguardante il lavoro o i colleghi, anche quando la verità diviene imbarazzante. Farsi coinvolgere nella più piccola bugia, potrebbe distruggere la tua credibilità, che è un elemento fondamentale per impressionare il tuo capo positivamente.
  • Fermati in ufficio. Non lasciare il posto di lavoro prima che i tuoi capi se ne vadano. Anche se a volte ciò potrebbe risultare estremamente scomodo, mostra loro che stai lavorando più ore del previsto,questo emana un grande senso di rispetto. Scappare ogni giorno dall’ufficio riflette mancanza di passione per la posizione acquisita  e scarso desiderio di intraprendere progetti aggiuntivi.
  • Cammina rapidamente per l’ufficio. Quando hai bisogno di parlare con altri colleghi, prendere un po’ d’acqua o usare il bagno, fallo in fretta. Quando sarai notato, apparirai sempre molto impegnato nel tuo lavoro. Le persone che non appaiono occupate, sono le prime vittime del licenziamento

Come migliorare la percezione dei tuoi risultati

Altri consiglio per impressionare il tuo capo in modo positivo:

Tenere il passo con l’industria. Alcuni dipendenti sono così concentrati sul proprio lavoro, da dimenticarsi il mondo che li circonda. Leggi le riviste di settore e unisciti ai gruppi industriali. Se riesci a fare riferimenti a ciò che hai imparato anche in ufficio, il capo potrà iniziare a vedere i tuoi risultati in un contesto più ampio.

Sii proattivo. Sì, lo sappiamo, è una parola d’ordine popolare, ma c’è davvero del valore aggiunto nel suggerire qualcosa che hai in testa prima che sia il capo a farlo. Portare idee sul posto di lavoro, identifica la tua voglia di promuovere gli interessi della compagnia, anche quando ciò non è richiesto.

Attiva o abbatti le tue scadenze. Consegnare il prodotto finito prima del previsto, farà sempre colpo sul tuo capo. Il personaggio Scotty della serie originale Star Trek, ha reso popolare l’idea di valutare positivamente il tempo necessario per completare le riparazioni prima del previsto. Questo trucco funziona ancora nel mondo reale!

Non rifiutare le assegnazioni. Quando il capo si presenta con nuovi progetti o incarichi di ricerca, accetta senza indugio e aggiungi i compiti alla tua lista. Anche quando sei estremamente occupato, impara ad assegnare la giusta priorità ai diversi progetti. Fermati più ore in ufficio se necessario e fai in modo di completare ogni incarico presente. Il capo potrebbe aver deciso di mettere alla prova le tue capacità, l’etica del lavoro e la passione, assegnandoti più compiti contemporaneamente.

Tieni traccia del tuo lavoro. Solo misurando correttamente la tua produzione potrai mostrare ciò che hai realizzato. Tieni traccia della qualità e della quantità del lavoro svolto in ogni trimestre. Annota esempi di aree in cui appari migliorato rispetto all’ultima revisione del rendimento. Quando un cliente o un collega si complimenta per il tuo operato, prendine nota! Mantenere e aggiornare il registro del rendimento, è indispensabile per avere materiale da presentare a tuo favore durante la valutazione generale. Utilizza i dati raccolti come leva per ottenere un aumento, un bonus o una promozione.

Conclusioni

C’è chi chiacchiera con il proprio capo, cercando di ingraziarselo. Fuori dall’ambito lavorativo, noi tutti favoriamo chi risulta più amichevole; la maggior parte dei datori di lavoro però, continuerà a valutare le persone in base al rendimento lavorativo percepito. Seguendo questi suggerimenti, potrai migliorare il rapporto con il tuo supervisore, indipendentemente dal fatto che sia effettivamente interessato alle tue prestazioni oppure no. Se  ancora non sei stato notato, è arrivato il momento di farti vedere! Agisci correttamente per impressionare il tuo capo e migliorare subito la situazione lavorativa.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close