Notizie

I dipendenti Apple impattano contro i vetri di Apple Park

Apple, abbiamo un problema. Pare infatti che Apple Park, il nuovo quartier generale super all’avanguardia del colosso mondiale, stia causando più di qualche problema tra i suoi dipendenti. Sorto grazie ad un investimento complessivo pari a 5 miliardi di dollari, Apple Park è stato costruito in gran parte in vetro e si trova a Cupertino, immerso nella Silicon Valley.

I vetri di Apple Park

L’azienda, nota in tutto il globo per un design futuristico, ha infatti optato per realizzare gli interni dell’edificio per porte e pareti completamente in vetro. Quindi, capita abbastanza di frequente, che i dipendenti vadano a sbatterci contro, spesso con conseguenze piuttosto serie.

A rivelarlo è stato il sito MarketWatch, forte di documenti e fonti che provengono dall’interno. Stando a quanto riportato, sembrerebbe che negli scorsi giorni si siano verificati due incidenti abbastanza gravi: due dipendenti si sono schiantati contro i vetri, riportando tagli e lesioni che se da un lato fortunatamente non hanno comportato un ricovero ospedaliero, dall’altro hanno comunque richiesto l’intervento dei sanitari di emergenza locale.

Guai in vista per Apple?

Un episodio spiacevole, che non ha potuto non richiamare l’attenzione sulle normative che disciplinano la vita dei dipendenti sui posti di lavoro: norme che Apple potrebbe anche aver violato. In questa fattispecie, la legge della California parla chiaro: “i dipendenti siano protetti contro il rischio di attraversare il vetro con barriere o con segni evidenti e durevoli”.

Almeno fino ad oggi, comunque Apple non è stata citata delle autorità locali in merito alla gestione della sicurezza occupazionale e sulla salute dei propri dipendenti. Ma, secondo una portavoce del Dipartimento per le relazioni industriali della California, nell’eventualità in cui l’azienda di Cupertino venisse accusata di essere venuta meno alla legge, rischierebbe di andare incontro non solo a multe, ma anche ad altre misure coercitive che la obblighino a risolvere una volta per tutte il problema.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close