Tecnologia e Internet

Diesel festeggia il 30° compleanno di Street Fighter con una linea esclusiva di sneaker

Diesel, nota azienda italiana di abbigliamento, ha deciso di festeggiare il trentesimo anniversario di Street Fighter, uno dei picchiaduro più amati di sempre nella storia dei videogiochi, presentando le Diesel X Street Fighter, una nuova linea di sneaker interamente dedicata alla serie, grazie alla quale i fan potranno scegliere di indossare ai loro piedi Ryu, Chun Li, Charlie Nash, Birdie o M. Bison.

Il successo planetario della serie

Prodotto dalla Capcom nel lontano 1987, Street Fighter ha riscosso un successo tale che nel corso degli anni da produrre, oltre ai diversi capitoli dei videogiochi, anche due film, due anime, quattro divesi manga e persino un gioco di ruolo.

Cinque modelli che celebreranno i protagonisti del gioco

I fan avranno l’imbarazzo della scelta, visto che ogni modello di sneaker ritrarrà, in versione personalizzata, uno dei cinque protagonisti del gioco, con tanto di scritta sulla suola che richiamerà le mosse preferite dei personaggi. Potranno scegliere le Denjin Hadoken bianche, con un gioco di contrasti rossi e neri, ispirate a Ryu, il protagonista della serie, oppure, le Spinning Birdkick azzurre e gialle che rievocano il vestito di Chun Li, il primo personaggio femminile combattente a comparire nel gioco.

Nella collezione, ci saranno anche le Sonic Boom del combattente Charlie Nash, che saranno gialle e nere con dei richiami al verde militare o le Horn Bull completamente nere, con piccole borchie, di Birdie, il guerriero punk che faceva uso di catene; infine non potranno mancare le Psycho Power rosse con elementi bianco e nero di M. Bison, il principale antagonista dell’universo Street Fighter.

Prodotti solo 5 mila esemplari

Una collezione in edizione limitata, quella creata da Diesel, che gli amanti di Street Fighter non potranno di certo farsi scappare: i 5 mila modelli messi sul mercato, sono in vendita per ora sul sito ufficiale di Diesel. Il costo? 200 euro.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close