Notizie

Alimentazione per cani: quanto è importante leggere l’etichetta

L’alimentazione per cani non è un fattore che può essere trascurato. Infatti la scelta del cibo per i nostri animali domestici rappresenta un ruolo fondamentale nella vita del nostro amico a quattro zampe.

Ma come fare a scegliere cibo di qualità? Come abbiamo già detto, tutto ciò non può essere sottovalutato, perché ne vale del benessere dell’animale. A volte siamo ingannati dai messaggi pubblicitari e finiamo col restare “vittime” di ciò che non viene nemmeno specificato.

Eppure abbiamo sempre un punto di riferimento fondamentale, che è costituito dall’etichetta.

Gli ingredienti dei cibi per cani

Molti orientano le loro scelte sulle crocchette per cani economiche ed è in fin dei conti giusto, perché si vuole cercare di risparmiare. Questo non significa che dobbiamo trascurare la qualità degli ingredienti. Ma come fare per leggere l’etichetta e renderci conto in maniera consapevole di ciò che stiamo comprando per il nostro animale?

Impariamo a leggere l’etichetta. Gli ingredienti sull’etichetta sono elencati in ordine decrescente tenendo conto della quantità. Teniamo presente, in linea generale, che spesso nel cibo per cani sono presenti diversi ingredienti di origine animale.

Troviamo pure degli ingredienti vegetali, che di solito non differiscono molto da quelli della nostra alimentazione. Invece, per quanto riguarda i cibi di origine animali, possiamo dividerli in categorie, sia per quanto riguarda la carne che per ciò che concerne il pesce. Vediamo in maniera dettagliata quali sono queste tipologie, in modo da non sbagliare nel leggere l’etichetta e nell’acquistare il cibo per i nostri animali domestici.

Le tipologie degli ingredienti di origine animale

Imparare a leggere bene le etichette del cibo per cani significa anche saper distinguere la vera composizione di quegli ingredienti di origine animale che spesso costituiscono la maggiore quantità degli ingredienti dei cibi per i nostri amici a quattro zampe.

Sia per quanto riguarda la carne che per il pesce, possiamo distinguere innanzitutto la carne e il pesce fresco. Si tratta di pollo, manzo, salmone, tutti ingredienti freschi.

Teniamo presente a questo proposito che si tratta di ingredienti cotti, quindi la carne o il pesce, dopo essere stati sottoposti a cottura, costituiscono circa il 20% del prodotto, mentre all’origine, prima della cottura, si trattava anche di più del 50%.

La seconda alternativa è rappresentata dalla carne o dal pesce disidratati. Questi ingredienti del cibo per cani hanno la caratteristica di non avere acqua fin dall’inizio. Dal processo di cottura non ci sono perdite. Proprio per questo motivo, se all’inizio della preparazione c’è il 50% di carne, anche alla fine, nel prodotto già confezionato, troveremo sempre la stessa percentuale.

C’è anche un’altra categoria da prendere in considerazione. Si tratta della farina di carne o di pesce. Nella farina sono contenute anche le ossa e le lische. Anche in questo caso impariamo bene a leggere l’etichetta, per renderci conto veramente di quali parti di carne o di pesce sono contenute nel cibo che acquistiamo per i nostri amici a quattro zampe.

Qualunque sia la nostra scelta, ricordiamoci sempre dell’importanza di leggere le etichette, di verificarne gli ingredienti ad uno ad uno, non trascurando nessun elemento. Soltanto così possiamo renderci conto di cosa diamo veramente da mangiare ai nostri animali e badare al loro benessere.

Soltanto leggendo l’etichetta, possiamo sapere quali principi nutritivi i nostri animali assumono, in vista del mantenimento del loro buono stato di salute.

Alessandro Aru

Ciao sono Alessandro Aru e scrivo anche per Italia H24

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close