Notizie

Gli italiani sono il popolo più fifone in Europa

A stabilirlo è stato un sondaggio del sito Lastminute.com in occasione di Face Your Fears Day, la giornata rivolta al superamento delle paure, da cui emerge che gli italiani sono il popolo più fifone in Europa, che si aggiunge al riconoscimento di più superstiziosi del Vecchio Continente. Circa l’80% di coloro che hanno partecipato all’indagine hanno ammesso di avere almeno una fobia.

E gli altri Paesi europei?

A seguire nella speciale classifica ci sono a pari merito i francesi e gli spagnoli (63%) e gli inglesi (59%). Indovinate un po’ quale è invece il popolo più coraggioso? Sono i tedeschi, infatti solo il 36% ha riconosciuto di provare una fobia.

Quali sono le fobie degli italiani?

Le fobie più diffuse nel nostro Paese sono quelle degli aracnidi (comune a molti uomini) e delle vertigini causate da altezza elevata (avvertita soprattutto dalle donne), condivise dal 36% degli italiani; mentre, al secondo posto si piazza la paura dei serpenti (29%) seguita dalla claustrofobia (25%), la paura di rimanere intrappolati in spazi chiusi.

Tra le innumerevoli paure concrete (come quelle dei peli, delle statue, delle bambole di ceramica e della plastica), molti sono gli italiani che hanno confessato di provare fobie astratte come il timore di invecchiare, riconosciuto dal 21% degli intervistati, oppure dall’angoscia causata dal pensiero di rimanere soli (32%). Non manca l’ossessione di non piacere al prossimo (25%) e l’incubo di perdere il posto di lavoro (20%).

In questo quadro così variopinto non poteva mancare la paura di non essere popolare sui social network, di smarrire il proprio smartphone oppure di rimanere senza una connessione Internet.

La nota lieta del sondaggio

Se è vero che gli italiani sono il popolo più fifone in Europa, è altrettanto vero che il 46% di essi cerca di affrontare ogni giorno le proprie paure; una percentuale che non è stata riscontrata in nessun altro Paese europeo, tedeschi compresi.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close